Il colloquio

Il colloquio

Il colloquio prende ispirazione dal sistema di ammissione ai colloqui periodici con i detenuti presso il carcere di Poggioreale, Napoli. Tre donne, tra tanti altri in coda, attendono stancamente l’inizio degli incontri con i detenuti. Portano oggetti da recapitare all’interno, una di loro è incinta: in maniera differente, desiderano l’accesso al luogo che per ognuna custodisce un legame. In qualche modo la reclusione viene condivisa all’esterno dai condannati e per le tre donne, che se ne fanno carico, coincide con la stessa esistenza: i ruoli maschili si sovrappongono alle vite di ciascuna, ripercuotendosi fisicamente sul corpo, sui comportamenti, sulle attività, sulla psiche. «Nel corso delle ricerche ci siamo innamorati di queste vite dimezzate, ancorate all’abisso, disposte lungo una linea di confine spaziale e sociale, costantemente protese verso l’altrove: un aldilà doloroso e ingombrante da un lato e, per contro, una vita altra, sognata, necessaria, negata. La mancanza, in entrambe le direzioni, ci è sembrata intollerabile». 
La messinscena lega la tradizione del teatro napoletano innestandovi influenze cinematografiche (Ciprì e Maresco), e ricerche teatrali contemporanee (Emma Dante). Lo spettacolo, dall’evidente drammaturgia corale, è una commedia in cui si ride molto, ma amaramente proiettata in un mondo dove i maschi non esistono e dove le sofferenze quotidiane, accompagnate dal concerto per violino di Mendelssohn, si proiettano sullo spettatore.

regia Eduardo Di Pietro
con Renato Bisogni, Alessandro Errico, Marco Montecatino
aiuto regia Cecilia Lupoli
costumi Federica Del Gaudio 
organizzazione Martina Di Leva
produzione Collettivo lunAzione
Spettacolo vincitore Premio Scenario Periferie 2019
Premio Fersen alla Regia 2021
Selezione In – Box 2021 

Biglietti: Intero € 20,00  Ridotti e Loggione € 15,00

Programmazione

March 25, 2022

Ore 9:00 PM | Save the date

Come raggiungerci

Via Benedetto Cairoli, 53 - 26041 Casalmaggiore (CR)