I due gemelli veneziani

I due gemelli veneziani

I due gemelli veneziani (1747) è prima di tutto un affascinante viaggio nella grazia eversiva propria degli attori che, tra la fine del ‘500 e la fine del ‘700, dominarono le scene teatrali europee, e nel mondo doppio, barocco, sensuale in cui si muovono misteriose e concrete incarnazioni di pulsioni. Ma è anche una gran macchina di divertimento con un intreccio trascinante fatto di duelli, amori e disamori, fughe, prigioni, ritrovamenti, in cui svetta la magnifica invenzione goldoniana dei gemelli identici ma totalmente opposti di carattere: uno sciocco, l’altro scaltro. Ma nella rilettura di Valter Malosti il testo è anche una farsa nera sulla famiglia, l’identità, la passione e la morte. Ha inoltre compiuto compiuto un lavoro a ritroso, partendo da quelli che ha ritenuto essere gli autori fondamentali nella costruzione di una lingua italiana per la scena: Giovanni Testori, Pier Paolo Pasolini, Carlo Emilio Gadda, Roberto Longhi. Ma incrociando anche Federico Fellini, Patrizia Valduga e Antonio Tarantino. Ha inoltre allargato la prospettiva dei personaggi, soprattutto quelli femminili un po’ trascurati qui da Goldoni, donandogli riverberi da altri loro consimili. Spesso infatti le attrici e gli attori interpretavano caratteri simili che passavano di commedia in commedia con minime sfumature e differenze.

I due gemelli veneziani foto di Serena Pea (13)

I due gemelli veneziani foto di Serena Pea (12)

I due gemelli veneziani foto di Serena Pea (11)

I due gemelli veneziani foto di Serena Pea (10)

I due gemelli veneziani foto di Serena Pea (1)

adattamento Angela Demattè, Valter Malosti
regia Valter Malosti
scene e luci Nicolas Bovey
costumi Gianluca Sbicca
progetto sonoro G.U.P. Alcaro
cura del movimento Marco Angelilli
assistente alla regia Jacopo Squizzato
con Marco Foschi (Zanetto / Tonino), Danilo Nigrelli (Pancrazio), Marco Manchisi (Arlecchino /Pulcinella), Irene Petris (Beatrice), Alessandro Bressanello (Il Dottor Balanzoni / Tiburzio), Anna Gamba (Rosaura), Valerio Mazzucato (Brighella / Bargello), Camilla Nigro (Colombina), Vittorio Camarota (Florindo), Andrea Bellacicco (Lelio / Facchino)
produzione Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, TPE - Teatro Piemonte Europa, Teatro Stabile del Veneto, Teatro Metastasio di Prato
si ringrazia il maestro mascheraio Stefano Perrocco di Meduna per la maschera di Pulcinella indossata da Marco Manchisi

Biglietti

Programmazione

November 8, 2022

Ore 9:00 PM | Save the date

Come raggiungerci

Via Benedetto Cairoli, 53 - 26041 Casalmaggiore (CR)